Se davo retta a mia Madre… a quest’ora ero madre di tre mostri!

Allora partiamo dal principio, le MADRI NON HANNO SEMPRE RAGIONE, secondo la mia il parto è un mal di pancia da ciclo “un po” più forte (qui porca miseria non c’è la faccina di wazup con gli occhi sbarrati?)

Tutto è cominciato appena le ho dato la lieta novella e dopo grandi sorrisi e abbracci partono le Chiuse di consiglio spietato pre-nascita, che possono durare interi pomeriggi intervallati, da shopping di tutine bruttissime fuxia a pallini verde cocomero.

1.a Il parto secondo Mia Madre
MM: Ma si… il parto non è che un mal di pancia un po più forte rispetto al ciclo!
Io: Ah si?
MM: Si! poi verso la fine quando esce, non si sente niente!
Io: Veramente?
MM: Si si! L’episiotomia non senti nulla…
Io: Vabbè allora ‘na cazzata sto parto… tutti che fanno sto casino! Esagerati!

1.b Il parto nella realtà
– Forse il mal di pancia da ciclo un po più forte è quando capisci che il tuo compagno ha preso la valigia dell’ospedale e si è dimenticato le chiavi del lucchetto a casa e ti fa salire cosi tanto il sangue al cervello, che il mal di pancia si trasforma in qualcosa di superiore… ma niente a che fare con quei terrificanti momenti intervallati da alti picchi, chiamati contrazioni.
– Alla fine non senti niente? Ma io te meno
– No l’episiotomia non senti niente, perchè ora va di moda donna ti devi squarciare da sola w la natura w il rispetto dell’ambiente w il dolore

Adesso è nato il nipotino e siamo tutti felici e contenti, anche perchè tua madre ti ha detto che tu eri una santa, una bambina con le ali.
Quindi il peggio è passato:

2.a il neonato secondo mia Madre
MM: Tu dormivi tutta la notte. Non hai mai pianto. Pensa che noi ti portavamo al cinema e a teatro a 2 mesi.

2.b Il neonato secondo la realtà
– Il neonato nella realtà oltre a non dormire tutta la notte fino all’anno di età, ti apre le orecchie con pratiche da film Hostel, con il suo delicato pianto, se non lo vai a prendere. Eh si il cinema e il teatro lo sai quando lo rivedi? Quando Woody Allen farà un film sulle Winx!

3.a Lo spazio vitale del neonato secondo mia madre
MM: Io dove ti mettevo stavi… e poi andavi con tutti, hai cambiato più babysitter tu che Paris Hilton e guarda come sei cresciuta bene.
Io: Bha, se lo dici tu…

3.b Lo spazio vitale del neonato nella realtà
– Nella realtà il neonato è già dotato di gambe e braccia, ditelo a mia madre, ed anche se i suoi arti non hanno una muscolatura da H.Bolt hanno pero il cervello di un ninja e sanno strisciare, rotolare e catapultarsi.
Babysitter? Ma se prima di farla entrare in casa deve superare le prove della confraternita americana Skull e Bones.

…Alla fine poi ho scoperto che parlando con donne con età uguale o maggiore di 60 anni, hanno tutte la stessa visione paradisiaca dei propri figli. Allora mi sono spiegata che le opzioni potevano essere solo tre:

  1. Facendo un paio di calcoli veloci, non ci vuole molto a capire che la generazione in questione ha fatto parte di comunità hippies e quindi probabilmente i ricordi di tali sono abbastanza volubili.
  2. Sempre per i calcoli di prima, quasi tutti i soggetti in questione hanno fatto un viaggio in Mexico ed hanno fatto abuso di Peyote e un pezzetto ce l’hanno lasciato nel biberon.
  3. Ultima opzione, meno credibile, esiste un tacito accordo tra madre natura e tua madre, che impedisce di riferire alla propria figlia la maledetta verità del neonato, per la salvaguardia della specie.

Solo su una cosa c’ha preso… che ho vomitato tutte e nove i mesi!

Annunci

La scala dei valori di Merda

Ed anche oggi ve beccate un bello schemino!
Che Dire, è la prima cosa che ti Dicono appena tuo marito/ compagno/ fidanzato/ amichetto/ conoscente ha seminato il fiorellino:

D’ora in poi cambierà tutto! Tutto quello a cui tenevi prima, non avrà più valore! Solo tuo figlio e le sue esigenze conteranno…

Generalmente la frase proviene da una neo-mamma sadomasochista! Tra cui io… Ci trovo un non so che di liberatorio nel spiattellarlo ad una qualsiasi donna gravida! Comunque è vero, Cazzo! Praticamente funziona così: Se prima mettevi al primo posto il sonno nella tua scala dei valori (anche prima di Tua madre ovviamente), adesso andrà al 349° ma non per tua volontà! Se prima adoravi annusare un bel trancio di pizza, adesso adori odorare il didietro di tuo/a figlio/a perchè appena la fa è una festa a casa, dopo la sua stitichezza settimanale.

3-03

4-04


L’altro giorno, quando mia figlia ha defecato per la prima volta nel suo apposito contenitore, sono esplosa dalla Giuoia, a tal punto di svegliare il padre giuoioso con il vasino ancora pieno in faccia! Ed è lì che ho avuto la visione, l’illuminazione: La mia scala dei valori è cambiata, al primo posto ora c’è l’evacuazione! Una volta si Giuoiva in questo modo se lo spaccino te mandava bene col fumo o il bar sotto casa si sbagliava a darti il resto con 10 euro di più… Adesso invece ruota tutto intorno all’evoluzione del cibo in tutti i suoi stadi, dall’ingestione all’espulsione. Ovvio, perchè è legato alla sopravvivenza ingestibile di tuo/a Figlio/a.

IMG_2421

La prima cacca giuiosa

Insomma che non si dicano stronzate del tipo: “Ma io sono la stessa di prima. Faccio le stesse cose di prima. Tengo alle stesse cose di prima”
Si prima che un melone uscisse da una cruna di un ago…
E’ normale che il melone diventi il centro delle nostre attenzioni, è candido, fresco e pesa abbastanza da metterlo in un marsupio e portarselo con se, finché non diventa una anguria gigante e ti comincia a sputare semi per tutta casa.
Comunque non sei la stessa di prima, perché hai sempre i capelli aggrovigliati e le unghie delle mani come rappresentava T. Burton il suo protagonista J. Depp. Come fai ad essere la stessa di prima, se ti presenti così in giro, vuol dire che hai tirato fuori una bella faccia da culo!
E di conseguenza la tua scala dei valori sposta la sua asticella da Ceretta ogni 15 gg a Decespugliatore ultimo modello ogni due mesi!

Vi rendete conto che c’ho messo due settimane per scrivere quest’articolo! Scusate quest’anno all’anguria si è aggiunto un insolito odio nei confronti del clima estivo. Ecco infatti un altro punto, se una volta ero così giuoiosa con l’arrivo dell’estate ora mezzo che la odio: ho due di pressione, già sono sudata da quando mi sveglio (anche perché rincorro qualcuno per tutta casa la mattina solo per infilare un paio di pantaloncini) e poi prendo pure il magnesio, ma niente… Na vecchia!

Ps:Questo articolo lo dedico al nascituro Matteo e alla sua Gioiosa Mamma, che ho tranquillizzato tantissimo nel periodo pre-parto ahaha